Guide Pratiche Scrivere Selfpublishing

Come agganciare i lettori con una descrizione efficace del tuo libro

Chi conosce la Rete lo sa bene: “content is the king”.

E’ la qualità del contenuto che produci che ti rende rintracciabile all’interno dei motori di ricerca, così come tra le pagine degli ebookstore. Quindi, trovare le parole giuste per descrivere il tuo libro è uno degli elementi cruciali per spingere le vendite.

E’ notizia di questi giorni l’inesorabile crescita che stanno registrando le librerie online. Sempre di più le persone preferiscono affidarsi alle vetrine virtuali per scegliere le loro letture, vetrine su cui i prodotti dell’editoria più classica e quella emergente si giocano le stesse possibilità di successo. A vincere la sfida è spesso chi ha la capacità di rendersi più visibile, di attirare attraverso titoli, descrizioni e immagini accattivati, l’attenzione del lettore (e le sue recensioni).

Ecco cosa ne pensa Richard Ridley, vincitore del Writer’s Digest International Self-Published Book Award per la categoria “young adult”, autore dei consigli che andremo ad elencare.
“La descrizione di un libro è la tua guida, ti da l’occasione di agganciare il lettore. Soprattutto in un ambiente virtuale, la descrizione del libro può fare la differenza tra l’avere soltanto aggiunto un nuovo titolo tra il mare di quelli già esistenti e l’aver prodotto un libro vendibile, percepito come importante da leggere”.

Il problema è che molti autori hanno difficoltà a scrivere una buona descrizione. La causa principale sta nella loro tendenza a voler stipare tutto o la maggior parte del materiale prodotto nella descrizione. Troppi dettagli, però, possono rendere il risultato confuso e inefficace.

Ecco, allora, alcuni principi da seguire per scrivere una descrizione che sia efficace:

Non includere sotto-trame.
Quando si tratta della descrizione del libro, l’unica cosa che conta è la trama principale o il tema principale. Questo è tutto ciò su cui è necessario concentrarsi. Includere qualsiasi altra cosa ti incastrerà in un ciclo continuo di ” e poi è succede che…” dilungando all’infinito la descrizione. Spiega solo qual è l’azione principale che spinge il tuo libro.

Mantieniti sotto le 150 parole.
Questo, senza dubbio, susciterà qualche lamentela. Riassumere un libro che si compone di decine di migliaia di parole in appena 150 è impossibile, giusto? No. Infatti, si dovrebbe sempre essere in grado di riassumere un libro in un’unica frase. Ricorda, non devi preoccuparti dello sviluppo di un personaggio o delle sotto-trame, così quelle decine di migliaia di parole che servono a descrivere adeguatamente il libro al lettore non sono più necessarie. In termini più semplici, qual è il tema del tuo libro e cosa lo rende interessante per i lettori?

Scrivi in terza persona e al presente.
Anche se il tuo libro è raccontato, molto probabilmente al passato, la descrizione non deve esserlo. Descrivi il libro come se stessi faccia a faccia con un lettore che ti ha chiesto di cosa si tratta. In questo caso non gli parleresti al passato. Inoltre, la descrizione del libro è comunque un punto di vista terzo anche se questo è stato scritto in prima persona.

Usa parole dal potere evocativo.
Anche con la descrizione stai cercando di suscitare delle emozioni, le stesse che provoca il tuo libro. Per trasmettere queste sensazioni, hai bisogno di parole forti come tormentato, carismatico, passione, ossessione, terrificante, ecc… Una rapida ricerca su Internet produce centinaia di parole tra cui scegliere. Basta stare attenti a non esagerare. Usa le parole strategicamente e con parsimonia.

Non sei l’autore.
Non devi scrivere la descrizione del tuo libro in quanto autore, scrivila come editore. Creare impatto nel lettore è la tua preoccupazione principale. Cosa spinge il lettore a voler saperne di più? Cosa lo motiva ad aggiungere il libro al suo carrello della spesa? Scrivi (la descrizione) con la testa, non con il cuore. Ricorda: la descrizione è materiale per il marketing, non è letteratura.

Infine, un’altra buona pratica è quella di leggere quante più descrizioni possibile del tuo stesso genere. E’ un ottimo modo per capire qual è lo standard del settore. Queste descrizioni diventano standard di settore per una ragione: vendono libri.

Non stai scrivendo per il retro della copertina, stai scrivendo anche per la tua rete di contatti, per i social media; la descrizione del libro farà parte delle informazioni utili per la stampa, le apparizioni, i volantini, ecc. Non è solo per te, è per i tuoi fan. Una descrizione concisa si è più propensi a copiarla e incollarla in una mail ad amici e parenti o per i propri aggiornamenti sui social network. Pensate a un tipo di descrizione “portatile”, facile da condividere e, di conseguenza, fondamentale nella vostra campagna di diffusione.

You may also like
Come preparare un saggio per il formato audio
Fulvio Fusco racconta la sua esperienza nel self-publishing: ben 30 libri pubblicati con Youcanprint!
2 Comments

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage