Category : Self-publishing Ambassador

Self-publishing Ambassador

Il flusso del pensiero di Gio Crescenzio

Quando mi chiedono “Perché scrivi?”, la risposta che mi viene più spontanea è che è un impulso del mio spirito. Nei miei romanzi non ci sono solo storie, ma dialoghi, nonché il flusso del pensiero dei protagonisti. A parte il mio terzo romanzo semiserio dal titolo BLUFF gli altri due seguono la suddetta logica. Come ho già anticipato in uno dei miei libri editi da www.youcanprint.it,  tre sono le componenti importanti di un buon libro: la denuncia sociale, l’invenzione e il messaggio morale. Senza questi fattori un romanzo, a mio modesto parere, non può essere considerato tale.

Il messaggio morale profondo e comunque, non incontrovertibile, di TIME OUT e MISSION è che noi tutti, uomini e donne siamo la somma delle nostre scelte e che in un vissuto si è sempre reduci, come dire, di un passato che in qualche modo “non passa mai”, come in BIPOLARE (di prossima uscita) dove l’esperienza della vita diventa un tatuaggio per sempre.

Scrivere, equivale un po’ a svuotare una brocca d’acqua, tutto converge in una sintassi ordinata e finalizzata a “mettere in ordine” il flusso dei pensieri dell’autore. L’invenzione ha molto a che vedere con l’immaginazione di chi scrive unito alla somma delle proprie esperienze. Da ultimo, la denuncia sociale è un dovere morale dello scrittore che vuole essere “impegnato” in fatti ed eventi che coinvolgono tutti e che rende l’autore il “portavoce” del pensiero di molti.

Da ultimo, si scrive perché lo spirito di ciascuno di noi deve, in qualche modo, “espandersi” e raggiungere l’altro, per mezzo dei conflitti e aspirazioni di personaggi in continua evoluzione che l’autore decide di rappresentare nelle proprie opere.

Read More
Self-publishing Ambassador

Roberto Alessandrini: “Grazie a Youcanprint ho pubblicato i miei libri più cari”

Mi chiamo Roberto Alessandrini ed oggi mi posso definire un poeta, scrittore, articolista, giurista e redattore. La mia passione per la scrittura nacque quando frequentavo le scuole medie. All’età di circa dodici – tredici anni iniziai a scrivere le prime poesie ed ancor prima, la professoressa di italiano, affermava che, leggendo alcuni miei elaborati, era possibile avvertire una spiccata sensibilità ed un dire che conteneva in sé significati morali e dipingeva immagini emozionanti.

Prima lettrice dei testi fu mia madre, che mi consigliò e supportò nell’evolversi della passione. Grazie a mio padre, invece, che è assistente volontario dal 1996 di un ragazzo malato di sclerosi multipla, ebbi la possibilità di conoscere quest’ultimo e di cogliere la realtà che vive. Scrissi anche una poesia a lui dedicata, che ricevette diversi premi, in Italia ed all’Estero.

Read More
Self-publishing Ambassador

Booktrailer! “Ho scelto la prigione” di Ennio Staid

Che senso ha la vita di tante donne recluse in un mondo come il nostro, agitato da drammi e povertà che non trovano risposta? E’ una fuga? L’espressione di una incapacità di vivere? Oppure uno straordinario atto di amore e coraggio? Il racconto nella finzione letteraria permette di varcare il muro del carcere per scoprire la realtà scelta da tante donne. E’ un racconto disincantato, eppure profondo in cui la prigione si rivela non come un “mondo a parte”, ma come una realtà pienamente inserita nella vicenda degli uomini e delle donne del nostro tempo.

Qui di seguito il booktrailer dell’opera!

Read More
1 2 3 4 64