Self-publishing Ambassador

AngelaTrip: “Soddisfatta del selfpublishing perché tutto dipende da me!”

angela-tripSono Angela, nata nel 1982 a Roma, caratteristica principale “silenziosa”, e per questo mi è sempre piaciuto scrivere per sfogare i miei pensieri. Ricordo le prime frasi nei diari segreti a 9 anni, a ripensarci oggi provo ancora molta tenerezza per quella bimba tanto timida.

Ora sono cresciuta ma il carattere è più o meno quello. Non mi piace definirmi poetessa e infatti scrivo i miei stati d’animo, o meglio li fotografo e restano su carta.

Ho autopubblicato due libri, il primo nel settembre 2009 dal titolo “I miei sfogni – delirio di emozioni nel cuore e nello stomaco“, una raccolta forse forte ma diretta.

Qualche serata di promozioni per locali e poi nell’ottobre 2010 la seconda raccolta dal titolo “Quando le mie viscere non sanno tacere“.

Sempre in cerca di qualche casa editrice, molto ingenuamente, visto che TUTTE chiedono un contributo ENORME!!! Nel gennaio 2012 è il momento del primo libro non autopubblicato dal titolo “Profondamente Angela – Il mio cuore si lascia andare davanti i grandi campi di papaveri“. L’esperienza è stata un po’ negativa, per questo sono arrivata nel mondo del selfpublishing e cioè a Youcanprint, con la quale, per ora, ho pubblicato tre libri di cui sono molto soddisfatta, perché tutto dipende da ME!

Maggio 2013: “Anch’io do speranza – scalza sui carboni ardenti

Novembre 2013: “Non aprite quel diario – succede a me perché io so affrontarlo

Gennaio 2014: “Sono solo mia – l’unica soluzione è la solitudine“.

Scrivo per me, per non perdermi mai e per seguirmi nel percorso interiore che è quello più difficile da sempre. La cosa più bella sarebbe arrivare a più gente possibile, ma non per sentirmi dire “che bella poesia” o “brava”, ma per sapere cosa è arrivato di me su quello che hanno letto.

A presto!

AngelaTriP

You may also like
“Selfie a parole”. Fabrizio Trainito, i suoi racconti e il selfpublishing
“Selfpublishing: la vera frontiera dell’editoria”. Alessandro Nardone e il suo nuovo romanzo

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage