5 trucchi per un marketing editoriale di successo

Written by robertotartaglia. Posted in Guide Pratiche, Selfpublishing

Sino ad oggi, ho scritto molti articoli, altri ne scriverò, e sempre, dico sempre, ho ribadito una serie di concetti. Concetti che sono alla base di tutte le strategie. Indipendentemente dagli strumenti che utilizzerai.

Bene! Oggi, in questo articolo, elencherò i 5 concetti che ritengo fondamentali.

Conosci la tua tribù

Prima di tutto devi conoscere la tua tribù. Attenzione, non ho detto “il tuo target”, ma “la tua tribù”. Qui, infatti, non si tratta di individuare dei polli da spennare, come nel marketing tradizionale, ma dei compagni di viaggio.

Per questo parlo di tribù.

Perché una tribù è un gruppo di persone che condividono le tue stesse passioni, i tuoi stessi sogni, le tue spesse speranze, i tuoi valori.

È a loro che devi rivolgerti. E a queste persone devi parlare come fossero tuoi amici da una vita. Le devi coinvolgere, farle sentire a casa loro. Devi dialogare con loro, scambiare opinioni.

Costruire una tribù non è affatto semplice, ma, se ci riesci, hai raggiunto l’obiettivo principale di ogni strategia di marketing. Hai mai sentito parlare della teoria dei 1000 fan? Sto parlando di questo.

La teoria asserisce che, a un artista, bastano mille veri fan per trasformare la sua arte in una forma di sostentamento. E l’attenzione deve essere posta sulla parola “veri”.

Per veri fan si intende un gruppo di persone appassionate del tuo stile, della tua arte, che comprerebbero qualsiasi cosa di tua produzione. Persone pronte a sostenerti nei momenti difficili e a interagire spontaneamente.

E, credimi, è davvero, davvero difficile creare una vera tribù. Serve molto impegno.

Ascolta

Una volta creata la tua tribù, non vorrai mica fregartene! Ci sono persone, lì fuori, che darebbero qualsiasi cosa per te. Devi assolutamente tenere a loro.

Il modo migliore per prenderti cura di loro è ascoltarli. Ascoltare i loro bisogni, le loro richieste, le loro ansie. E, se puoi, aiutali. In ogni caso, ribadisco, dialoga con loro.

Sii disponibile

Questo punto si lega al precedente. Molti credono che usare un atteggiamento distaccato e freddo, come alcune aziende che scambiano questo comportamento per “professionalità”, sia la cosa migliore.

Niente di più errato, sul Web. Qui bisogna dialogare, essere sempre disponibili, cordiali e, anche nei casi in cui si vorrebbe urlare e insultare qualcuno, usare educazione.

Se non ti dimostri disponibile, ben presto i tuoi fan si stancheranno e andranno a cercare altrove un beniamino con cui interagire. E compreranno i suoi libri.

Fornisci valore

Non peccare di avarizia, come dico sempre. Alimenta la tua generosità e fornisci ai tuoi lettori (o potenziali tali) materiale fruibile subito e, meglio ancora, gratuitamente.

Questo ti aiuterà a farti conoscere, ad aumentare la tua popolarità e a migliorare la tua reputazione. Se non ti tiri indietro dal passare ore a scrivere qualcosa per poi regalarla, vuol dire che hai un animo generoso. E questo paga.

Ma ciò che paga è anche il fatto di mettere a disposizione dei lettori, gratis, le tue capacità di scrittura. In questo modo possono giudicare da soli, e senza spendere un centesimo, se vale la pena comprare i tuoi libri.

Si sentiranno certi di andare sul sicuro. Importantissimo in quest’era di iperinformazione e affollamento di scrittori/scrittrici.

Non pensare al guadagno

Inevitabilmente legato a quello precedente, questo punto la dice lunga su come pensare le tue campagne di marketing e personal branding.

Non scrivere pensando ai soldi. Ne ho conosciute molte di persone che hanno fallito proprio perché ragionavano così. Mi hanno chiesto consigli, gli ho dato questo, hanno ritenuto che fosse errato, hanno proseguito per la loro strada e poi sono tornate da me per chiedermi come mai non hanno venduto.

Se scrivi per fare soldi, si percepisce. Scrivi, invece, per la voglia di farlo, per la voglia di dire la tua, esternare i tuoi pensieri, insegnare ciò che sai.

Se lavorerai bene, i soldi verranno. Iniziare l’attività di scrittore indipendente è un po’ come avviare una start-up o un negozio. Come si può pretendere di fare soldi a palate il giorno dopo aver aperto le porte al pubblico?

Parte della colpa ce l’hanno anche tutti coloro che, nei mesi, hanno fatto credere che il self publishing fosse il nuovo metodo per fare soldi facilmente, senza fatica, grazie al Web.

Niente di più sbagliato! Qui bisogna lavorare e faticare, come per ogni altro lavoro.

Per ora ti do appuntamento alla prossima…OCCHIO ALLA PENNA!

Roberto Tartaglia

Giornalista e scrittore indipendente. Fondatore di www.viverediscrittura.it, il primo sito per imparare a diventare scrittori indipendenti. Il suo sito personale è www.robertotartaglia.com.

Presente anche su Youtube (http://www.youtube.com/rotartaglia), Facebook (https://www.facebook.com/Roberto.P.Tartaglia), Twitter (https://twitter.com/rotartaglia)  e Google+ (https://plus.google.com/u/0/102819774398765592106/posts).

Tags: , , ,

Trackback from your site.

Leave a comment

Pubblica il tuo libro

Scopri come pubblicare e vendere la tua opera nel nostro network. Clicca qui

Visita il nostro store

Acquista i libri che trovi in questo blog. Visita lo Store di Youcanprint Clicca qui