Guide Pratiche Marketing Selfpublishing

Self-publishing: 5 modi per promuovere un libro offline

biglietti da visita, volantini, locandine e qrcode per promuovere un libroConviene promuoversi più online o più offline?

Io credo che i due scenari siano complementari e non esclusivi. Voglio dire: ci sono molte persone che passano più tempo in giro per le strade che su Facebook o Twitter, no? Ma ce ne sono altrettante che fanno il contrario. Perciò, la soluzione migliore è conquistare la fiducia e l’attenzione di entrambi i gruppi.

La promozione offline, a differenza della sua sorella online, è leggermente più costosa e faticosa, ma non meno d’impatto.

Di modi per fare pubblicità ai propri libri fuori dal Web ce ne sono a bizzeffe e per tutte le tasche. Se fai un giro sui motori di ricerca e digiti parole come “guerilla marketing”, “tribal marketing” o “ambient marketing”, tanto per citarne 3, scoprirai un modo originale di fare marketing offline che, nel corso degli anni, ha preso sempre più piede.

Ma fare buone campagne di guerrilla, tribal o ambient, può costare cifre interessanti. In questo post, invece, voglio abbassare il tiro, riducendo i costi senza perdere l’efficacia dell’azione comunicativa.

Eccoti, allora, 5 esempi di come fare pubblicità offline ai tuoi libri. Alcune di loro sono parte delle strategie che ho utilizzato io stesso, nella promozione offline della prima edizione di “Casus belli”, nel 2009.

1. Volantinaggio.

Lo so, può sembrare antiquato e noioso come metodo ma, t’assicuro, se usato bene, ha il suo effetto.

Cosa vuol dire “usato bene”? Vuol dire scegliere le persone da conquistare e andare da loro. Se hai scritto un libro in stile Moccia, sai bene che il tuo pubblico è prevalentemente femminile e sotto i 20 anni. Bene, vai da loro.

Che luoghi frequentano queste persone? Probabilmente università o licei. Sicuramente pub e discoteche. Forse scuole di danza. Ok, crea dei volantini accattivanti o dei piccoli manifesti in formato A3 da distribuire tra i banchi, da affiggere nelle bacheche o da lasciare sui banconi.

Ma affidati a servizi di stampa specializzati. La qualità del volantino è molto importante per la riuscita del lavoro.

2. Comunicati stampa.

Prendere contatti con i giornalisti è un punto fondamentale per l’autopromozione offline. Puoi decidere di affidarti a un servizio professionale di ufficio stampa, o di fare tutto da te.

Nel secondo caso, prendi contatti con i giornalisti via Web. Su Facebook, ad esempio, non è difficile trovarne. Puoi anche dare un’occhiata ai siti Web delle testate, molti giornalisti mettono le loro email in bella vista.

Puoi acquistare l’Agenda del Giornalista, oppure affidarti a un servizio interessantissimo per ricercare persone su Twitter, anche per professione: si chiama FollowerWonk.

Quando scrivi un comunicato stampa, ricorda, devi sempre offrire una notizia al giornalista per invogliarlo a scrivere di te. Non dire semplicemente “ho scritto questo libro e nella vita ho fatto questo, ricevuto questi riconoscimenti”. Non interessa a nessuno.

Parla, invece, del tema del tuo libro. Mettici entusiasmo, inserisci qualche recensione, se già ne hai. Solo alla fine metti i riferimenti per acquistare il libro.

3. QRcode.

Mi sono divertito come un matto, nel 2009, a pubblicizzare il mio libro tramite QRcode. Il QRcode, se non lo sai, è un codice grafico che, se fotografato con determinate applicazioni, permette di visualizzare un contenuto online.

Io, nel 2009, decisi di utilizzarlo su me stesso. Feci stampare una maglia che, sul retro, riportava un QRcode che permetteva di visualizzare la pagina in cui veniva venduto il mio libro all’epoca. Ma può essere utilizzato in mille modi diversi.

Per come la vedo io, il QRcode è un mezzo intrigante per farsi pubblicità, perché sfrutta la curiosità insita in ognuno di noi.

4. Presentazioni dal vivo.

Come per il comunicato stampa, anche qui devi avere qualcosa di succulento da proporre, non solo l’uscita del libro. Questo è un errore che commettono molti, ecco perché, poi, alle presentazioni ci sono solo pochissime persone.

A tutti noi piace sentirci coinvolti, parte di un gruppo o di un progetto, amiamo scoprire cose nuove, svelare misteri e divertirci. Per questo andare in libreria per dire “ho scritto questo libro e l’ho pubblicato con…” non serve a nulla.

Pensa sempre come un possibile lettore. Se io andassi alla presentazione di un libro come il mio, cosa mi piacerebbe vivere? Di cosa mi piacerebbe sentir parlare l’autore/autrice? Preferirei starmene seduto/a su una sedia ad ascoltare, o sgranocchiare qualcosa in un aperitivo in piedi? Vorrei della musica di sottofondo? Dal vivo o tramite dj? Un gioco di ruolo?

E non dimenticare di farti stampare sempre del materiale di corredo: tovaglie per i tavoli, manifesti, volantini, così da creare il giusto ambiente e mettere a disposizione dei presenti un promemoria da portar via con i tuoi contatti.

Ovviamente il tavolino con qualche libro da poter acquistare al volo è d’obbligo.

Con un po’ di contatti giusti, bastano davvero pochi soldi per mettere su una presentazione come si deve.

5. Biglietto da visita.

Può sempre tornare utile, magari ti trovi a parlare con persone interessate ai tuoi libri ma che non sanno dove acquistarli. Zac, pronto il bigliettino da visita. O in qualche evento, idem. L’importante è che il bigliettino sia chiaro e leggibile. Con poche informazioni: quelle relative ai tuoi contatti e al tuo sito (perché ti consiglio di averne uno).

Per ora è tutto.

A presto e…occhio alla penna ;).

Roberto Tartaglia

Giornalista e scrittore indipendente. Fondatore di www.viverediscrittura.it, il primo sito per imparare a diventare scrittori indipendenti. Il suo sito personale è www.robertotartaglia.com.

L’ufficio stampa e gli altri servizi di promozione offline di Youcanprint

Tra i suoi servizi, Youcanprint include la promozione delle opere con i migliori strumenti di marketing editoriale ed ufficio stampa online e offline. Un esperto leggerà il tuo libro e realizzerà una scheda editoriale da utilizzare per promuovere l’opera su giornali, blog letterari, siti specializzati e social network. L’ufficio stampa individua il target dei lettori, impostando una specifica strategia di marketing editoriale e garantendo la pubblicazione di articoli, post e schede editoriali online e offline.

Sempre tra i servizi di Youcanprint potrai trovare il “Kit di presentazione“, da utilizzare per promuovere il tuo libro nelle presentazioni, nelle librerie e nei luoghi maggiormente frequentati dal target di lettori della tua opera. Grazie alla consulenza e alla progettazione grafica del nostro staff, potrai affiancare alla tua opera segnalibri, brochure, biglietti da visita, inviti, buste, cartoline e locandine.

 

You may also like
Scrivere su iPad: con iA Writer tante restrizioni, ma molti benefici
Self-publishing: come rendere il tuo libro visibile tra gli scaffali delle librerie
11 Comments
  • Gen 13,2016 at 09:18

    vorrei informazioni su il vostro servizio per presentare il libro. I costi sono voce importante per me.
    buon giorno

    • boresrl
      Gen 13,2016 at 10:47

      Buongiorno Antonio, attualmente come promuovi la tua opera?

  • Giu 22,2015 at 15:35

    Ciao Raffaella,
    i limiti autorizzativi di cui parli sono relativi solamente all’affissione di manifesti in spazi pubblici. I normali volantini (come quelli da discoteca, per capirci) possono essere distribuiti ovunque, previa autorizzazione verbale del proprietario del negozio. Quando parlo di “affiggere”, parlo anche di “bacheche”. Anche in questo caso basta l’autorizzazione del proprietario del locale. No problem. 🙂

    RT

  • Raffaella
    Giu 18,2015 at 14:43

    Perdonami Roberto, ma non occorrono permessi specifici da parte del comune per la distribuzione dei volantini? Credo ci siano anche delle normative legate al decoro urbano e all’imbrattmento del suolo pubblico… poi se mi dici che l’ottanta per cento di chi lo fa non è in regola è un altro discorso. Io avrei voluto farlo ma dopo aver letto un po di normative me ne è passata la voglia… hai qualche suggerimento in merito?

    Ciao e grazie

  • Dic 30,2013 at 16:13

    Certo che sì, Michelangelo!
    Ottima idea!

    RT

  • michelangelo
    Dic 17,2013 at 21:50

    posso fare pure dei gadget per stimolare le persone a venire alla presentazione del mio libro?

  • […] questo, chi si autopromuove, come noi, deve tenere conto, per forza di cose, della promozione offline, al di fuori del […]

  • Ott 11,2012 at 13:09

    Sono sempre disponibile.
    Grazie mille :)!!!

  • Ott 9,2012 at 08:20

    appena pronto il mio… ti contatto; sai che ti seguo, grazie Roberto, sei un faro.

  • Set 24,2012 at 12:15

    Ottimo, Federica :)! In bocca al lupo, allora!!!

  • Set 24,2012 at 11:59

    Cavolo, abbiamo fatto e stiamo facendo tutti e 5 i punti!
    Allora sono sulla buona strada! Grazie roberto!
    federica

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage